Vuoi eliminare il rumore dalle fotografie? Ecco qualche semplice consiglio

0

Una delle cause principali che causa la presenza di rumore nelle foto è l’agitazione termica, che comporta la trasformazione e il cambiamento del numero di elettroni che sono rilevati dal sensore fotografico. Con una lettura errata si ha un’informazione sbagliata che porta a un colore diverso e quindi al tanto temuto rumore fotografico. Poter rimuovere la presenza di rumore dalle foto è un problema che si verifica per molti. E’ abbastanza difficile evitare che si presenti negli scatti, soprattutto nel caso di immagini con scarsa luce, che non prevedono l’uso di flash e di tempi lunghi. Ma ci sono soluzioni da considerare se si vuole eliminare il rumore dagli scatti che realizziamo.

I 3 metodi più sicuri per eliminare il rumore dalle fotografie

Vediamo quali sono gli accorgimenti da seguire per ottenere la riduzione del rumore digitale legato all’agitazione termica. In questo caso troverai delle soluzioni pratiche da applicare proprio quando scatti la foto e non riguarda il lavoro svolto in post produzione. E’ vero però che ci sono anche dei software specifici che sono utili per applicare una modifica e una miglioria per le immagini al fine di ridurre drasticamente il rumore.

Controlla il sensore fotografico

Questo oggetto elettronico è notoriamente attraversato da corrente. E che cosa fa la corrente? Genera il calore e porta a surriscaldare il sensore. Come detto il calore è una causa importante rispetto al rumore fotografico, ecco perché chi ha una Reflex sfrutterà al meglio le sue qualità appena la accende. Più passa il tempo e più scatti si riscontreranno foto più rumorose. Potrebbe quindi essere importante anche prendere la buona abitudine di spegnere la fotocamera mentre non la utilizziamo, invece che lasciarla in stand by. E’ importante per non perdere mai punti in termini di qualità delle immagini,

Ovviamente il calore deve essere evitato anche a livello esterno, e quindi è opportuno riporre la fotocamera quando non la usiamo, anche se tenerla al collo è molto più comodo e pratico. Da notare che questo tipo di atteggiamento era considerato ideale anche con le analogiche.

Prova a usare un treppiede per eliminare il rumore

E’ la soluzione migliore per chi voglia realizzare una panorama o fotografare un monumento, perché potrà contare sui tempi lunghi di scatto. Ciò vuol dire che una maggior quantità di luce arriverà sul sensore. In questo modo potrai ridurre il valore ISO che uno dei fattori che influenza il rumore. Il tempo di scatto influenza anche l’effetto “mosso della foto”, ma questo problema si evita proprio con un tripode.

RAW è la soluzione

E’ vero, spesso ci troviamo a lavorare con il formato JPG, ma non prevede la compressione dati senza perdita. E’ quindi ideale da impostare come formato finale, dopo aver applicato le necessarie modifiche a un file. E’ sempre bene però scattare in RAW perché ci aiuterà a puntare sulla riduzione del rumore digitale. Se il JPEG lo applichiamo alla fine evitiamo di mettere in difficoltà la macchina fotografica in fase di compressione, e questo permette di non generare calore inutile. Anche perché ora sappiamo tutti che cosa causino le alte temperature!

Share.

Comments are closed.