Fotoritocco con Gimp: il flash di riempimento

0

flashHai mai sentito parlare di flash di riempimento? Parliamo di una tecnica fotografica che utilizza un flash per poter ridurre il contrasto con la luce solare diretta o in alcuni casi serve con quei soggetti che sono posti in controluce e quindi appaiono molto scuri. In questo articolo scopriremo come realizzarlo con l’aiuto del nostro immancabile alleato di photo editing: Gimp!

Perché usare il flash di riempimento?

E’ la scelta perfetta quando si crea una netta differenza tra zone chiare e zone scure, diversità che spesso risulta estremamente marcata. In post-produzione è possibile agire in 3 diversi modi: nel primo caso si punta un flash sulla zona in ombra; nel secondo caso si usa un pennello luce; nel terzo e ultimo caso si sfrutta il pennello riflettente nella zona d’ombra. In ognuno di questi casi lo scopo è quello di ridurre il contrasto riuscendo sia a schiarire le zone che ad alleggerire le ombre.

La luce forte infatti nasconde molti dettagli del volto di una persona o di un particolare soggetto: imposta Gimp per avere un pennello luce con le caratteristiche che andremo a scoprire tra poco. Per prima cosa il pennello dovrà avere il bianco, indispensabile per poter schiarire le ombre (ovviamente sarebbe di colore nero per accentuarle), dovrà sfruttare una certa opacità e grandezza in scala.
A questo punto, con il mouse, tenete premuro e passatelo su tutta la zona d’ombra.

A questo punto dovrai valutare il tipo di risultato ottenuto, ricordando che in base alla tipologia della tua foto sarà necessario effettuare più o meno passaggi in un particolare punto che appare scuro. L’importante però è abbassare l’opacità qualora sia necessario effettuare un ulteriore pennellata nella zona. Quando il risultato sarà da considerarsi idoneo alle tue necessità e ai tuoi gusti, salva tutto e goditi il tuo nuovo effetto.

Sicuramente il fotoritocco in questo particolare tipo di foto è abbastanza complicato, non tanto nella sua realizzazione, ma bensì perché è sempre meglio cercare di prestare una certa attenzione in fase di produzione, optando per un corretto posizionamento del nostro flash così da avere un ottimo risultato marcato fin da subito.

Non temere però, perché riuscirai sicuramente a far fronte anche a questo problema, ripristinando la situazione e migliorandola in pochi minuti; del resto questa tecnica è efficace proprio per tutti quei ritratti che realizzi all’esterno, che sono quindi sempre vincolati dall’illuminazione e dalla posizione in cui si trova il tuo soggetto.

Share.

I commenti sono chiusi